Archivi tag: Bambini

Insegnare nelle favelas

Standard

Mi permetto di postare sul mio blog un articolo di Jo Griffin su The Guardian. Tutto il merito di questo splendido documento va a lei (lui?).

Yvonne Bezerra de Mello has developed a pedagogy based on neuroscience to help children raised in the slums of Rio de Janeiro bridge the achievement gap. Jo Griffin profiles her work.
Favela Brazil
Yvonne Bezerra de Mello has developed a new teaching technique to help children from impoverished favelas in Brazil. Photograph: Alamy

Why do children raised in tough slums perform worse than others when they get the same schooling?

Too often a lack of self-confidence or self-discipline get the blame but, according to Yvonne Bezerra de Mello at the Uere Project in Rio de Janeiro, the real reasons are more complex. Trauma and violence inearly life create specific learning difficulties that block children’s capacity to learn.

At her school in one of the city’s most impoverished favelas, De Mello has developed an innovative pedagogy that integrates neuroscience with didactics to fill in the learning gaps that prevent such children making progress. The results are so successful it has been adopted as a method in 150 state schools in Rio and has started to attract attention overseas: in 2012, a group of 15 teachers from Cologne visited the project because they were having difficulty adapting old methods to today’s multi-racial classrooms.

De Mello, who has a PhD in philology and linguistics and based her methods on 30 years of research in the slums of Rio and abroad, is a well-known social activist in Brazil, in part due to her public protests after the massacre of eight street children by police outside the Candelaria church in July 1993. De Mello set up a makeshift school for the survivors, which grew into the Uere project.

Outside the school in Mare, a sprawling complex of 16 favelas that are home to 130,000 people, small children run through the warren of alleyways shouting and laughing. Inside, the half-day session begins for a group of teenagers in a brightly painted classroom where they are free to get up and wander out, or move chairs. Lessons are divided into blocks of no more than 20 minutes and the more-able children take turns to instruct the class through role play. Subjects are covered for short periods in varied ways, often linked to real life, with no note taking or rote learning.

De Mello’s method stresses “repairing the brain’s synapses” so that students’ minds become active and engaged – in some cases, for the first time in their lives. In a community where gun crime, drug-related violence and domestic abuse are endemic, her methods improve brain functions such as memory, focus, verbal skills, concentration and logic that may have been blocked by constant exposure to violence and trauma. She believes all teachers should be trained in the basics ofneuroscience.

“Look,” she says, showing me an exercise book with incomprehensible scribbles. “These were made by a 12-year-old boy who could not even name the colours when he came here.” Her team started by spending hours talking to him. De Mello says a key problem for many children growing up in favelas is the lack of verbal communication, whether because of their parents’ poor education or circumstances that mean the child is alone all day.

De Mello believes children from very deprived backgrounds inevitably fail in mainstream education because they lack the “pre-learning” that equips them to absorb information, to concentrate or understand information that may seem obvious to others.

“Intelligence can be repaired,” she says, “and we have found the way to do it.”

Her teaching method aims to fill in that gap so that even the poorest children have a chance to succeed in mainstream education. In Brazil, children attend school for half a day – De Mello’s students go on to a session at a mainstream school in the afternoon.

Criticism of the education system was a feature of protests earlier this year by mainly middle-class Brazilians, but the children from poorest families face particular challenges: many live far away from any schools, with inadequate transport links, or must stay at home to look after younger children. Others are sucked into crime or drugs by the gangs that rule their communities.

In another classroom at the school in Mare, 15 or so younger children are having a maths lesson – interchanging number games and switching between five languages – all the children at Uere learn basic vocabulary and numbers in several languages to keep their minds alert. It is impressive to watch these small children in flip-flops and shorts who rarely leave the slum switch between Mandarin, French or Germanconfidently. Everton, a 17-year-old boy who wants to be a vet, tells me he prefers the Uere school because children from the slums are snubbed in mainstream schools.

The emphasis at De Mello’s school is on equipping the students with the tools they need to learn, and this includes self-esteem and emotional intelligence. The young teachers are warm and tactile with the kids, who shower and eat two meals on the site. In one lesson, De Mello asks teenagers to tell her what happened at home the day before and a girl begins to cry when she recalls a fight between her parents. De Mello explains gently that she is not responsible for her parents’ lives and it is clear that no one has ever helped the girl to see her life in this way before.

“If children do not have this pre-learning, they cannot hope to complete their education, let alone hold down jobs. But if we help them to repair these ‘learning blocks’, they can have good prospects and lead worthwhile lives,” says De Mello, who is fired by anger about the lack of opportunity and inadequate infrastructure in poor communities, as well as the failure of the Brazilian state system to tackle social problems such as abuse or neglect.

“These children are just written off. Isn’t it obvious that that’s bad not just the children, but for Brazilian society as a whole?”

Quando una regola diventa un regalo…

Standard

dire-no“Ha solo due anni, ma è già la reginetta di casa! Quando vuole qualcosa urla e piange così tanto che non c’è verso di dirle di no.”

“Volevo dare ai miei figli tutto quello che non ho avuto io da ragazzo, ma non sono mai contenti!”

“Mi sento così in colpa per essermi separata dal suo papà, che sento di dover essere una mamma perfetta e di non dovergli far mancare mai niente”

“Ho così poco tempo da passare con i miei figli, che non ho proprio intenzione di sprecarlo litigando, in quei momenti voglio solo stare bene con loro.”

“Più gli do, e più mi chiede! Mi sento schiacciata.”

“Anche se è ancora un bambino, gli ho comprato volentieri il cellulare perché pensavo che mi avrebbe aiutata a stare tranquilla quando non è con me. Adesso però è sempre attaccato a quei giochini, e quasi non ci parliamo più!”

“Suo padre non fa che viziarla, e a me tocca fare la parte della cattiva che le dà delle regole. Mia figlia mi detesta!”

Il genitore è il mestiere più difficile del mondo.

E’ facilissimo, invece, trovarsi in una situazione simile a queste: siamo partiti con le migliori intenzioni ma un giorno, quasi all’improvviso, ci accorgiamo che le cose a casa nostra non vanno come speravamo: i nostri figli sono scontenti, arrabbiati, disobbedienti, ingrati. Eppure noi abbiamo dato loro tutto quello che potevamo, abbiamo messo i figli al centro del nostro mondo, abbiamo fatto veramente di tutto perché ci volessero bene e fossero contenti! E forse il punto è proprio questo: pur di sentirci amati e di vederli felici, rinunciamo a insegnare loro che esistono anche regole e limiti da rispettare, che è indispensabile fare delle scelte tra tutte le cose che vorremmo, e che la nostra libertà finisce dove inizia quella di qualcun altro. E’ brutto, ingiusto, frustrante tutto ciò? Niente affatto: è il fondamento del vivere insieme, in famiglia come nella società.

Un “No” detto senza sensi di colpa, senza rabbia, senza incertezze: molto spesso è di questo che i nostri figli hanno bisogno da parte nostra! Certo, non possiamo aspettarci che ci ringrazieranno subito per questo, anzi; ma lo faranno diventando adulti responsabili, equilibrati e sicuri di sé.

Da ogni parte, poi, tutti ci raccomandano che ogni “no” va spiegato: verissimo, ma spiegare non significa negoziare. I confini devono essere fermi, chiari e coerenti.

Non cedere di fronte ai pianti, alle urla, alla rabbia sembra un’impresa degna delle fatiche di Ercole: ma se dopo una lacrima o un grido in più facciamo la concessione, cosa imparerà nostro figlio, se non che basta fare sempre più “rumore” per ottenere qualsiasi cosa?

Spesso all’origine dei cosiddetti “capricci” c’è un bisogno importante e profondo, che però non è quello di avere un giocattolo in più o di rientrare mezz’ora più tardi: è quello di capire da noi adulti dove si trova il limite.

Anche un muro, a pensarci bene, è un limite: non possiamo oltrepassarlo né vedere al di là di esso. Ma una casa senza muri sarebbe totalmente inutile e non darebbe nessun riparo, calore e intimità.

Tutte queste idee a volte, soprattutto nei momenti di scoraggiamento, possono sembrarci troppo difficili da mettere in pratica. Parlarne insieme con una psicologa può essere utile.

Ci troviamo intorno a questo tema giovedì 24 ottobre in corso Peschiera 148 alle ore 21. La serata è a cura della dott.ssa Elisabetta Ranghino, psicologa, ed è a ingresso libero. Vi aspetto numerosi!

Digressioni

Alla missione di Mujwa, oltre ai missionari, vive stabilmente da decenni anche Daniele.

Si è costruito una casetta affacciata sul cortile principale della missione, tra la casa dei padri e gli uffici della parrocchia e della scuola, dove vive in compagnia di due cani.

I locali lo chiamano Makelele, ovvero “Chiassoso”: infatti è costretto a parlare sempre a voce molto alta per la sua parziale sordità, causata dal continuo uso dei farmaci antimalarici.

Ma non è questo il momento di dilungarmi sull’indubbia utilità di farmaci che, oltre a provocare raramente danni gravi e permanenti, danno comunemente effetti indesiderati identici ai sintomi della malattia stessa.

Apparentemente schivo e burbero, Daniele ci accoglie facendoci trovare a tavola un’ottima pizza la sera del nostro arrivo, ma ci racconta la propria storia solo molti giorni dopo.

E’ fratello di un missionario, ma lui non ha pronunciato alcun voto, e in un certo senso proprio questo dà ancora più valore a ciò che fa giorno dopo giorno.

Era un benestante imprenditore veneto e presidente di una squadra sportiva, ma ha lasciato tutto per la missione.

Gestisce una falegnameria a Mujwa, dando lavoro anche a una decina di operai.

Con le proprie sostanze e i proventi di una onlus da lui fondata in Italia, ha guidato la costruzione nei dintorni di ben tre scuole e un orfanotrofio.

E’ quest’ultima la “casa” che occupa, insieme alla falegnameria, gran parte del suo tempo e dei suoi pensieri, e insieme a lui andiamo a visitarla.

L’orfanotrofio di S. Patrick si trova a meno di un chilometro dalla sede della parrocchia, e ogni giorno alcuni dei ragazzi più grandi vengono ad attingere acqua potabile dalla sorgente che si trova proprio nel terreno della missione. E’ un lavoro pesante, ma presto un tubo porterà l’acqua potabile direttamente là. Sì, perché la costruzione dell’orfanotrofio è in continua evoluzione e non è mai compiuta una volta per tutte, proprio come dovrebbe essere quella della nostra persona.

Vivono qui circa cinquanta bambini, ognuno con una storia diversa ma tutti con storie simili: una malattia, spesso l’aids, ha portato via i loro genitori, oppure la loro mamma nonostante gli sforzi non ce l’ha proprio fatta a crescerli da sola.

Quello delle madri single è un problema sociale forte in Kenya, dove il rispetto per le donne e i doveri dell’uomo in una relazione di coppia non fanno parte dei valori tradizionali, ma si stanno faticosamente affermando non solo grazie all’evangelizzazione, ma anche ad un cambiamento generale della cultura e del senso comune non molto diverso da quello che è avvenuto in Italia più o meno l’altro ieri.

E’ una madre single anche Scolastica, la direttrice dell’orfanotrofio, che ha preferito crescere la sua bambina qui piuttosto che a casa di un marito che le dava più preoccupazioni e incombenze della piccola.

A parte lei e il cuoco Pius, che è cresciuto qui fino a diventare adulto, non c’è altro personale residente e per questo motivo purtroppo l’orfanotrofio non può ospitare bambini più piccoli di due o tre anni.

Crescendo, normalmente i ragazzi restano qui fino alla maggiore età, momento in cui fortunatamente, grazie alle leggi della nuova costituzione approvata pochi anni fa, quasi tutti riescono ad entrare in possesso del terreno di famiglia che spetta loro e a intraprendere dignitosamente una vita autonoma.

La più piccola si chiama Rossella, e guardandola mi sembra incredibile che l’animale più feroce e pericoloso di tutti, che siamo noi, possa mettere al mondo cuccioli così belli. Chissà cosa un giorno riaffiorerà dal suo passato ad affaticare il suo sorriso a fossette assolutamente contagioso. Per adesso però ride e sgambetta, vezzeggiata da tutti.

Daniele parla con tutti i locali un inglese approssimativo punteggiato da esclamazioni venete, ma non c’è lingua al mondo che non sia insignificante in confronto all’alfabeto universale della tenerezza e dell’affetto: è questa la vera lingua con cui comunica con tutti i “suoi” bambini.

E’ sabato, giorno di ferie dalla scuola e soprattutto giorno di bucato: in questa grandissima famiglia, ognuno fa la sua parte.

Sulle siepi e sui prati che decorano il cortile davanti alla costruzione principale sono stese in bell’ordine divise scolastiche di tre o quattro scuole diverse: tutti i bambini frequentano uno degli istituti dei dintorni.

C’è chi stende e chi spazza, c’è chi impasta piadine e chi le cuoce, mentre tre ragazzine sugli undici anni sbucciano una cesta di patate cantando una filastrocca molto popolare che abbiamo già sentito alla scuola.

Sono i ragazzi più grandi a occuparsi quasi completamente dei bambini più piccoli: fanno il bucato per sé e per loro, li aiutano a lavarsi, collaborano tutti insieme per le faccende domestiche e si comportano come tanti fratelli maggiori. I piccoli, dal canto loro, imparano gradualmente ma velocemente a rendersi autonomi e a dare il loro contributo.

I più grandi, che frequentano le ultime classi della scuola primaria (ovvero le nostre medie) oppure l’hanno già completata, si occupano anche degli orti e degli animali con cui si sostenta la famiglia di S. Patrick stessa.

Se tutto ciò può sembrare crudele, va compreso considerando il contesto in cui avviene, come ci spiega Daniele. Questi bambini non sono in lista per l’adozione, la loro vita è e sarà sempre qui a Mujwa, dove la vita funziona secondo logiche diverse dalle nostre, ma delle quali forse i nostri nonni ricordano qualcosa. Sarebbe irrealistico, oltre che dannoso per loro stessi, crescerli in un ambiente troppo ovattato senza che imparino gli stessi lavori che tutti i loro coetanei in famiglia imparano.

Tutto questo non significa che S. Patrick, a poche centinaia di metri dalla scuola di S.Eugenia edificata interamente da benefattori italiani, sia lasciato senza aiuto.

Anzi, le persone che dall’Italia hanno a cuore le sorti di questi bambini sono così tante che Daniele sta arredando, ovviamente con la propria falegnameria, un piccolo appartamento adatto alla permanenza di una famiglia anche con bambini piccoli che venisse a visitare la zona. Per inciso, il mantenimento di uno di questi bambini non costa che ottanta centesimi di euro al giorno.

Lasciamo S. Patrick con il sentimento di una scoperta dolce e piacevole. Daniele, Scolastica, Pius, i bambini: tante persone che non avevano una famiglia si sono trovate fra loro e ne hanno formata una. Tante altre forse saranno più normali e più agiate, ma questa ci ha insegnato qualcosa in più su cosa siano l’amore e la dedizione.

6 – LEZIONI DI FAMIGLIA

5 – LEZIONI DI FUTURO

Standard

Durante la nostra permanenza a Mujwa, passiamo molto tempo alla scuola primaria in compagnia di professori e allievi.

Il sistema scolastico keniano, diffuso fino alle campagne più sperdute, prevede tre anni di scuola materna, 8 anni di scuola primaria con un importante esame finale e 4 anni di scuola secondaria. Le università per ora si trovano solo nelle grandi città.

La scuola della missione è privata, si chiama S.Eugenia, comprende materna e primaria e, come la maggioranza delle scuole qui, dà la possibilità agli studenti di risiedere a partire dalla quarta primaria.

Se questo a noi può sembrare eccessivo e inutile per dei bambini di nove anni, dobbiamo però tenere conto del fatto che la realtà locale è differente dalla nostra.

Molto banalmente, risiedere a scuola libera i bambini dalla necessità di percorrere chilometri di strade di polvere ogni giorno, spesso da soli o accompagnati soltanto da altri bambini fin dalla più tenera età; assicura loro tre pasti al giorno, cosa purtroppo non scontata, e la possibilità di vivere in un edificio in muratura fornito di acqua corrente, servizi al chiuso e elettricità, tutte cose che qui sono quasi “lussi” per pochi.

Ma il punto centrale è un altro: la cultura keniana ha una concezione molto diversa dalla nostra riguardo ai bambini, e la presenza di una media di cinque figli per coppia è sia causa che effetto di questo.

Avere figli è certo vista come la più grande gioia della vita, ma al contempo come un evento molto più naturale e forse un po’ meno ansiogeno rispetto alla società italiana, dove al desiderio di dare al bambino tutto il possibile sia in senso materiale che affettivo, troppo spesso fa da rovescio della medaglia un presunto dovere di tenerlo sotto una campana di vetro, risparmiargli ogni fatica, ogni responsabilità, ogni minima frustrazione.

Purtroppo la realtà italiana ci dimostra che un bambino viziato non si trasforma nell’adulto felice che i genitori immaginano con tutte le loro buone intenzioni, ma in un giovane impreparato a prendere il largo nel mare della vita: sfortunatamente di questi tempi il nostro è in tempesta, le difficoltà si fanno più forti ed ecco che sempre meno coppie si sposano, sempre meno bambini nascono e sempre più gente vive con i genitori fino alle soglie degli enta e degli anta.

In Kenya la situazione è completamente ribaltata: i bambini vengono maggiormente responsabilizzati in molti sensi, nella cura autonoma di sé, in piccoli lavori domestici e nel profitto scolastico. Questo non significa che i bambini subiscano vere e proprie forme di sfruttamento lavorativo, pressoché scomparso con l’ottima diffusione capillare della scuola, e nemmeno che non abbiano il giusto tempo per giocare, ridere e stare insieme: due, tre, quattro ore al giorno tolte alla televisione fanno miracoli.

E così gli studenti residenti a S.Eugenia lavano il proprio piatto dopo ogni pasto e i propri vestiti ogni sabato, e conducono una vita quotidiana dove i giorni sono scanditi con ritmi di studio, attività, svago e sonno piuttosto impegnativi, mentre due insegnanti alla volta secondo turni settimanali restano completamente a loro disposizione e vigilano sulla loro sicurezza 24 ore al giorno.

Gli insegnanti sono tutti locali e tutti molto giovani.

S. Eugenia è la sesta scuola migliore della provincia, su più di cento istituti pubblici e privati.

Nelle scuole del periodo coloniale, a 4 anni iniziali dedicati esclusivamente alle basi della letto-scrittura e dell’aritmetica seguivano corsi professionali volti a formare buoni schiavi, pardon, lavoratori, e gli africani erano ritenuti dai bianchi assolutamente incapaci di accedere agli studi superiori e alle materie astratte.

Nella giovane nazione che è ora il Kenya, indipendente da meno di 50 anni, le cose non potrebbero essere più diverse: per molti aspetti la scuola che abbiamo visto noi è molto migliore di quella italiana! Due sono i termini di paragone che ci hanno fatti vergognare di più: lo studio delle lingue e l’educazione civica.

Chi di noi alle elementari ha avuto un libro di educazione civica che avesse perso l’odore di carta intonsa scagli la prima pietra. L’educazione civica, la storia recente e contemporanea e le scienze sociali nella nostra istruzione di base sono buchi ben più grossi e molto più imbarazzanti di quelli che la maggior parte di questi studenti ha sulla divisa: i risultati nella società attuale non potrebbero essere più evidenti.

A S.Eugenia vengono dedicate con estrema serietà molte ore di insegnamento alla politica, alle vicende e alle personalità storiche dell’ultimo secolo, alle caratteristiche del Kenya e alle sue potenzialità, all’importanza della salvaguardia del patrimonio naturale e degli animali, ai vantaggi e ai problemi legati al turismo, ma anche a valori e ideali umani e sociali insegnati sì con il linguaggio della religione, ma di una religione tutt’altro che fine a se stessa.

Ogni bambino keniano, poi, cresce almeno trilingue: prima c’è la lingua madre, quella della tribù dei Meru; a partire dalla materna il Kiswahili, parlato in tutta l’Africa orientale e agevole per la sua somiglianza con il Kimeru; dalla seconda elementare in classe si parla solo inglese, competenza molto vantaggiosa nell’attuale mondo globalizzato che funge da magra consolazione in confronto alle aberrazioni dell’epoca coloniale.

Ci viene proposto di aiutare i ragazzini di ottava, ovvero di terza media, nel ripasso generale in vista dell’esame finale che nella cultura keniana decreta l’ingresso nell’età adulta. Entusiasti, ci mettiamo all’opera con matematica, scienze e inglese, salvo scoprire che questi tredicenni l’inglese lo sanno meglio di noi e sono tutti molto ben preparati.

L’unico esercizio da cui trarrebbero molto beneficio è la composizione scritta, la prova più difficile dell’esame di inglese. Propongo allora alla classe di scrivere un breve tema su un argomento che sia di loro interesse, e prima di dare inizio alla stesura chiedo di condividere ad alta voce l’argomento scelto. Mi aspetto di sentir nominare sport, attività, generi musicali e simili, ma vengo spiazzata dall’estrema risolutezza e serietà con cui un ragazzino risponde: la giustizia sommaria.

Titus è magro e minuto, con occhi grandi e vispi perennemente intenti a saziarsi dello spettacolo del mondo e della conoscenza. Siede sempre in prima fila e fare domande non lo imbarazza, sembra anzi una delle sue attività preferite, nonostante se la cavi piuttosto bene anche con le risposte.

Nel racconto che quindici minuti più tardi leggerà alla classe, un ladro viene pestato da una folla inferocita che se ne va solo quando crede di averlo ucciso, fortunatamente a torto, e il pronto arrivo della polizia gli salva la vita.

Più tardi manifesto la mia sorpresa a padre Enrique, che era con me in classe: così lui mi racconta che l’anno scorso il padre di Titus era stato sospettato di aver ucciso un uomo, e prima che la giustizia, o ciò che ogni nazione ha di più simile ad essa, potesse anche solo iniziare il suo corso, è stato assassinato a sua volta in circostanze misteriose.

Per proteggere le più innocenti tra le vittime di questa vicenda, ma anche per mandare alla comunità un forte messaggio di pacificazione, da allora la missione mantiene agli studi a S. Eugenia sia Titus che il figlio del primo uomo ucciso.

In un presente dove situazioni simili si trovano dietro a ogni uscio, è possibile immaginare un futuro migliore per il Kenya?

Se la risposta è sì, questo lo si deve solo e soltanto ai bambini, che sono poi la metà dell’intera popolazione del Paese.

Il giorno dopo, mentre lasciamo l’aula al termine delle lezioni, Titus mi si avvicina e mi chiede con un sorriso timido che mestiere facciamo io e Alessio. Dopo avergli risposto, gli chiedo dei suoi piani per il futuro dopo la scuola primaria. Mi dice che vuole diventare un prete. Lo dice con sicurezza e senza esitazione, ma parlando sottovoce, come se mi stesse mostrando un oggetto prezioso e antico che va maneggiato con delicatezza e attenzione.

Nella nostra Italia, vecchia in tutti i sensi, nel bene e nel male, è difficile rendersi conto di quanto la scuola sia importante in Kenya, per valorizzare l’enorme forza di questa nazione e costruire un cambiamento gestito in prima persona dalla popolazione.

E’ quindi essenziale aiutare le famiglie a sostenere il costo di un’istruzione di eccellenza, che se nel contesto dell’economia locale è altissimo, in Italia è più che sostenibile perfino nel bilancio di una giovane coppia che pur essendo mezza disoccupata, da queste lezioni di futuro ha imparato a guardarsi avanti con un po’ di ottimismo in più, ma anche, perché no, con un po’ di sana autocritica.